WRITING TUESDAY: HOW TO WRITE A LETTER

write letter howto lifestyle

 

Today Francine’s Place is
dedicated to a special theme: the letter.

So prepare tea, lot of
biscuits and keep calm: this post has few pictures, but is very, very
rich of words!

In an age in which
computers reign supreme, coming back to paper and pen could become
more than a writing exercise (in fact, I prepared handmade this post
before!).

But jump back, reaching
until the birth of this immortal instrument of communication…no, I
don’t mean when English Professor (mine was so hateful!) constrained
us to write to imaginary pen-friends and our imagination’s limit was
“I have two sisters and one brother”(*). No, throw back these
horrible memories and make a bigger effort…until the most ancient
populations: Sumerians, Egyptians, Greeks and Romans.

Until the entire history
of man.

Everyday life’s fragments
reached to us, pieces of thoughts, of feelings.

How can’t we think about
Seneca and his colloquium with the friend Lucilio and the human
themes so deeply described, or about 1500, Henry the VIII in “agony”
for Anne Boleyn or even about 1800 and Beethoven and his Immortal
Beloved.

Letter, as we understand,
is the easiest and at the same time the most powerful way of
communication ever.

Who, like me, makes a mess
with spoken words (admit, how many times did you forget so say things
which came to mind lately and you’d pay for coming back in time and
say them at the right moment?), letter is the best choose.

After a spat, a special
afternoon, or an ordinary day, give as a gift beautiful words to your
addressee, but before all to yourselves.

Anyway, there are some
little uptakes to keep in mind if you want that your letter will be
remembered in times.

If you open Google search
(I did :D), you’ll find thousands links about writing a perfect
formal missive, but here, in Francine’s salon, we’re going to tackle
“Letters from the Heart”.

Personal (to read= without
claiming to be absolute truth) Francine’s suggestions:

  1. Take the right paper.
    The right paper is that you mentally connect to what you’re going to
    write and who is going to read. And it can change time by time.
    Sometimes you’ll prefer simple and clean A4 leaf, so contents will
    steal the show. Sometimes you’ll choose coordinated leaf-envelope
    with lot of doodles in Disney’s “Once upon a time” book style.
    Anyway, don’t take squared or ruled paper from the middle of a
    workbook; ok, bring them with yourselves for the point 5) but don’t
    use them, if you aren’t writing a short message.

  2. Choose the right pen.
    It’s easy, it’s just important that your pen is not running down and
    use the black, blue or red ones. Choose a cartridge pen only if
    you’re able to!

  3. Create the right
    atmosphere. You can say: <<Hey, let’s not exaggerate!>>
    but trust in me, my darlings, having the right light, place,
    calmness is the first step for a better work. My personal refuge? My
    toilette-writing desk or my bed, with soft light and background
    music.

  4. Now you are alone in
    front of a white leaf. Perfect. Inspiration, where are you? Don’t
    fall in the writer’s block, you’re not here for a novel, you’re here
    for the letter, remember? You should have the words in heart, and
    for taking them out, you’ll just think about the addressee, about
    your feelings, the events happened. Ok, if you can’t start at least,
    try with the name of who’s going to read. Easy, not? You’ll break
    the ice and your addressee will seem next to you. Accepted “dear”,
    date, place but not exaggerate with formality; if he/she is a person
    who knows well you, knows yet where you write from and the date (in
    my modest opinion) contextualises too much your fellings, but hey,
    they’re forever! Ok if your writing for a special event with a
    specific date.

  5. Write straight ahead!
    Now you understand what the squared/ruled leafs are used for! Put
    one of these under your letter and you won’t write to unknown
    destinations.

  6. The grammar! Don’t
    write like you speak and please, remember that you’re not sending a
    sms, write the complete word because you’re not paying more if you
    go over characters’ limit!

  7. The punctuation! Save
    the semicolon from neglect and use commas so you’re addressee will
    can take breath during the reading. Phrases just seem different by the way you put punctuation.

  8. Don’t reread.
    Seriously, it could be strange, but if your words came from the heart,
    trust in them, they will be the right ones.

  9. If you came so far, now
    you’re holding your letter with a pleased smile. You didn’t believe
    to be so good, didn’t you? You feel more poet now, admit it! But if you
    want to make very special your work, add a picture, a drawing, a
    flower. You’re ladies and you’re writing to your beloved? Spray your
    perfume on the leaf (not too close). Or even more, you’re writing a
    top-secret message? After you informed your addressee, write the
    entire letter with a toothpick diped in lemon juice, so he/she will put the leaf next to the
    fire and words magically appear. WhatIsayfor.

(*) Notes for my dear
foreign readers:

  1. Yes, here in Italy
    (until the high school) English Professors think that writing an
    imaginary letter is the best way to improve our (actually your)
    English grammar. From elementary school I’ve always wrote the same
    things: “I like volleyball, I play piano, (blah blah), I have two
    sisters and one brother”. The only difference was that my brother
    was born in 2000, and before him the phrase was just “I have two
    sisters”. How imaginary.

  2. It’s the first soo
    long post. Be clement if my English is not too right. It’s my
    hateful Professor’s fault 😀

//

Oggi Francine’s Place è
dedicato a un argomento a me molto caro: la lettera.

Quindi preparatevi un tè
bollente, accompagnatelo con molti biscotti e mettetevi il cuore in
pace: questo post ha poche figure, ma tante, tante parole!

In un’epoca dove il
computer regna sovrano, tornare a carta e penna può diventare più
che un semplice esercizio di scrittura (non per altro, scrivo questo
post dopo averlo preparato a mano!).

Ma facciamo un passo
indietro e torniamo alla nascita di questo immortale strumento di
comunicazione…no, non mi riferisco alle ore scolastiche di inglese,
durante le quali la Professoressa (la mia, tra l’altro,
odiosa) ci costringeva a scrivere ad immaginari amici di penna e la
nostra immaginazione si fermava a “I have two sisters and one
brother”. No, rigettate indietro questi orridi ricordi e fate uno
sforzo ancora maggiore…fino alle civiltà più antiche: Sumeri,
Egizi, Greci e Romani.

E all’intera storia dell’uomo.

Sono giunti fino a noi
stralci di vita quotidiana, di riflessioni, sentimenti.

Come non pensare a Seneca
e al suo colloquium con l’amico Lucilio e ai temi umani profondamente
trattati, o al 1500, ritrovando Enrico VIII in “agonia” per Anna
Bolena o ancora, arrivando al 1800, a Beethoven e la sua Amata
Immortale.

La lettera, insomma, è la
più semplice e insieme più potente forma di comunicazione di
sempre.

Per chi poi, come me, a
parole fa sempre un po’ di confusione (ammettetelo, quante volte vi
siete dimenticati di dire cose che poi vi son tornate in mente e vi
sareste mangiati le mani per poter tornare indietro e tirarle fuori
al momento opportuno!), ricorrere ad essa è la scelta più saggia.

Dopo un litigio, un
pomeriggio speciale, o un giorno qualunque, regalate belle parole al
vostro destinatario e prima ancora a voi stessi.

Vi sono, comunque, piccole
accortezze da tenere a mente per far sì che la vostra lettera sia
ricordata nel tempo.

Se cercate su Google (l’ho
fatto :D), troverete mille consigli su come scrivere una missiva
formale impeccabile, ma qui, nel salottino di Francine, affronteremo
il tema “Lettere dal Cuore”.

Personali (leggere= senza
pretesa alcuna di verità assoluta) consigli di Francine:

  1. Procuratevi la carta
    adatta. La carta adatta è quella che collegate mentalmente a ciò
    che dovrete scrivere, alla persona che dovrà riceverla. E può
    cambiare di volta in volta. Ci sono occasioni dove un semplice e
    pulito foglio A4 lascerà tutta la scena a contenuti importanti,
    altre in cui potrete optare per un coordinato busta e foglio con
    tanto di ghirigori stile librone che si apre a inizio cartone
    animato della Disney. In ogni caso, evitate fogli strappati da
    quaderni a righe o quadretti; cioè, teneteli lo stesso, vi
    serviranno al punto 5) ma nulla di più. Va bene la semplicità, ma
    quelli lasciateli a messaggi d’altro tipo.

  2. Scegliete la penna
    adatta. Per questo ne basterà una che non sia mezza scarica per
    evitare di doverla cambiare a metà (effetto orribile) e di un
    colore che vada dal nero, al blu o massimo al rosso. Banditi glitter
    e colori strani (anche se devo ammettere che i mega pennoni
    multicolor di alcuni anni fa avevano il loro sporco perché ahah).
    Optate per una stilografica per un effetto elegante e unico, ma se e
    solo se sapete usarla!

  3. Create l’atmosfera
    adatta. <<See vabbè, mò stiamo esagerando>> direte
    voi, ma confidate miei cari, avere la luce, l’ambiente, la
    tranquillità giusti è il primo passo per una scrittura migliore.
    Il mio personale rifugio? La mia toilette-scrittoio, o il letto, con
    luce soffusa e possibilmente della musica di sottofondo.

  4. Ora siete voi e
    davanti un foglio bianco. Perfetto. Ispirazione, dove sei? Non
    cadete nel blocco dello scrittore, non vi eravate detti di tirare
    giù un romanzo. Siete qui per la lettera, ricordate? Le parole
    dovreste averle nel cuore, per farle uscire vi basterà pensare alla
    persona alla quale la invierete, ai sentimenti che la stessa vi
    suscita, agli eventi accaduti.

    Ok, se proprio non sapete
    come iniziare, provate con il nome del destinatario, o al modo,
    soprannome (se esiste) con il quale lo chiamate. Facile, no?
    Romperete subito il ghiaccio e vi sembrerà di averlo là, accanto a
    voi. Accettati i “caro/a”, la data, il luogo, ma attenti a non
    esagerare in quanto a formalità; se è una persona a cui tenete sa
    bene da dove scrivete e la data (secondo mia modesta opinione) rende
    il pensiero troppo contestualizzato. I vostri sentimenti, infatti,
    sono per sempre, non per un dato giorno! Ok, invece, se la lettera è
    riferita ad un evento particolare con una sua ricorrenza o giorno
    collegato.

  5. Scrivete diritti! Ed
    ecco qui che tornano utili i fogli a righe o quadretti; ponendone
    uno sotto al vostro eviterete di scrivere verso direzioni
    sconosciute.

  6. La grammatica! Non
    scrivete come se parlaste, create un periodo che sia chiaro e breve
    senza perdervi in frasi dove il punto si vede solo dopo venti righe.
    Per carità del cielo, fate anche l’enorme fatica di scrivere le
    parole tutte intere, “che” si scrive “che”, non “ke”.
    Non state mandando un sms, quindi non fate gli spilorci, che non
    pagate di più se aumenta il numero dei caratteri!

  7. La punteggiatura!
    Salvate il punto e virgola dall’abbandono e ponete le virgole per
    far prendere fiato a chi leggerà. Noterete anche che le frasi
    assumeranno significati diversi, in base a come deciderete di
    segnare le pause.

  8. Non rileggetela. Sul
    serio, questo vi sembrerà strano, ma se le parole son venute
    direttamente da un posto che si trova da qualche parte dentro di
    voi, fidatevi di esse perché saranno quelle giuste.

  9. Se siete giunti fin
    qui, starete tenendo in mano la vostra lettera con un compiaciuto
    sorrisetto stampato in faccia. Non pensavate di esser così bravi,
    vero? Vi sentite già un po’ più poeti, ammettetelo! Volete però
    rendere davvero speciale il vostro lavoro? Aggiungete una foto, un
    disegno, un fiore. State scrivendo alla persona che amate e siete
    delle fanciulle? Vaporizzate sulla carta a distanza di almeno venti
    centimetri (o si creeranno delle antiestetiche chiazze) un po’ del
    vostro profumo preferito. Volete rendere top-secret il contenuto
    qualora finisse nelle mani sbagliate? Provate a scrivere l’intera
    lettera intingendo una punta (che sia di una piuma, o di uno
    stuzzicadenti) nel succo di un limone. Al vostro destinatario, che
    avrete preventivamente avvisato, basterà avvicinare il foglio a una
    fiamma e le parole appariranno come per magia. Chevvelodicoaffare.

write letter howto lifestyle

xx

  • Anonymous

    Awesome post!
    I like writing letters too 😀 Where did you buy the pen? So sparkling!

    A.

  • Thank you!
    The pen was a Christmas present!